fbpx

logo fm 1

Presentazione

La riabilitazione precoce nel bambino con danno cerebrale: dalle conoscenze
neurobiologiche alla prassi terapeutica
IV Corso di Formazione Permanente in Neuroriabilitazione dell'Età Evolutiva
Sestri Levante, 14-16 novembre 2007
Centro Congressi Convento dell'Annunziata

n collaborazione con:
GIPCI - Gruppo Italiano Paralisi Cerebrale Infantile

Nel corso dell’ultimo decennio si è verificato un enorme incremento delle conoscenze neurobiologiche sulle modalità di sviluppo e funzionamento del sistema nervoso in epoca fetale, perinatale e nella prima infanzia: la scoperta della presenza e delle funzioni del sistema dei neuroni specchio, gli studi con le nuove tecniche neurofisiologiche (TMS) e neuroradiologiche (PET, RMf) sulla plasticità e flessibilità delle reti neurali hanno dato un ulteriore rilievo al ruolo insostituibile delle prime interazioni madre-bambino e ambientali nello sviluppo delle competenze adattive e neurocognitive.
Anche gli studi recenti sulla fisiopatologia del danno cerebrale precoce e sulle modalità di riorganizzazione neuronale successiva hanno confermato l’opportunità di un intervento riabilitativo precoce nelle prime fasi di sviluppo peri-postnatale, quando vi sono molte possibilità di influenzare positivamente la riorganizzazione delle strutture nervose, e quindi dei processi di sviluppo delle funzioni.
Si è reso necessario quindi affrontare, in questo IV Corso di formazione permanente in Neuroriabilitazione dell’Età evolutiva organizzato dalla Fondazione Mariani in collaborazione con il Gruppo Italiano Paralisi Cerebrale Infantile (GIPCI), i temi relativi al trasferimento di queste nuove conoscenze nella prassi riabilitativa e discutere i quesiti che negli anni scorsi sono stati spesso oggetto di divergenze. Che cosa si intende per “intervento precoce”? Quando è consigliabile iniziare il trattamento riabilitativo? Quale intervento è più indicato per il neonato e per il bambino nei primi mesi di vita? Quali gli strumenti idonei per valutare i risultati di questi interventi nel corso del follow-up?
L’approfondimento e la discussione di questi quesiti costituiscono il focus delle prime due giornate del Corso, mentre la terza mattina sarà dedicata a illustrare i risultati preliminari del Trial multicentrico sulla Costraint Therapy nel bambino con emiplegia, che il GIPCI
ha condotto nel corso dei due ultimi anni in collaborazione con l’Unità di Epidemiologia dell’Università di Padova.
Come nei Corsi precedenti, al mattino saranno svolte lezioni frontali dedicate ai contributi teorici e alle implicazioni per la prassi terapeutica, mentre il pomeriggio sarà riservato ai lavori di gruppo con discussione di casi videoregistrati a rotazione. Queste sessioni pratiche prevedono il contributo di riflessione e di critica dei corsisti, il cui numero, in quest’ottica, sarà limitato per le sessioni pomeridiane a 200 partecipanti.
Il Corso è indirizzato a tutti gli operatori della riabilitazione, medici, terapisti e psicologi che seguono neonati e lattanti con esiti di danno cerebrale, i quali, secondo le indicazioni delle Linee Guida, devono basare la prassi terapeutica sull’evidenza scientifica e contribuire a verificarne l’efficacia.

Copyright © 2019 Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani
Certificazione ISO - Politica per la qualità - Termini e condizioni d'uso del sito - Informativa e cookie policy
Viale Bianca Maria, 28 - 20129 Milano
Telefono +39 02 795458 - Fax +39 02 76009582
Email: info@fondazione-mariani.org
Registro persone giuridiche Prefettura di Milano n. 72
codice fiscale 97035810155

UA-68368477-1