fbpx

logo fm 1

Studio Unimore-FM sull’epilessia nei bambini

Tra i vincitori del Bando Ricerca 2018 della Fondazione Mariani, lo studio policentrico “La ghrelina come biomarcatore di risposta ai farmaci antiepilettici” si propone di stabilire il valore predittivo di tale ormone nel rivelare la possibilità di una risposta positiva ai farmaci nei bambini che soffrono di epilessia. Coordinato dal prof. Giuseppe Biagini del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze dell’Università di Modena e Reggio Emilia, il progetto coinvolgerà anche l’Ospedale Borgo Trento di Verona, l’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer di Firenze e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

«La ghrelina e il suo derivato, des-acil ghrelina, sono ormoni prevalentemente prodotti dallo stomaco che sono stati oggetto di studio per le loro proprietà anticonvulsivanti, sino ad oggi non ancora ben caratterizzate nell’uomo. Il progetto» commenta il prof. Biagini «si pone come obiettivo la valutazione di eventuali variazioni nella produzione di questi ormoni in pazienti affetti da epilessia in età pediatrica. Un semplice campione di plasma, ottenuto durante gli esami di controllo, ci consentirà di misurare la concentrazione degli ormoni oggetto del nostro studio. Sulla base di una precedente analisi, prevediamo che nei pazienti con una buona risposta ai farmaci antiepilettici vi sia una maggior concentrazione plasmatica degli ormoni ghrelina e des-acil ghrelina rispetto ai pazienti che, purtroppo, non traggono benefici dalla terapia farmacologica.

Con l’attuale studio vogliamo verificare se ghrelina e des-acil ghrelina siano più elevate già da prima dell’inizio della somministrazione dei farmaci antiepilettici, facendo si che possa essere favorita l’azione dei farmaci antiepilettici utilizzati in terapia proprio nei pazienti che producono una maggior quantità di questi ormoni. In alternativa a questa ipotesi, verificheremo se l’aumento di ghrelina e des-acil ghrelina sia invece causato direttamente dai farmaci somministrati per curare l’epilessia, fenomeno che, in questo caso, si verificherebbe solo in alcuni dei pazienti in terapia farmacologica.

I risultati che saranno ottenuti ci aiuteranno a capire se gli ormoni oggetto dello studio siano importanti per determinare una riduzione ottimale delle crisi epilettiche e, inoltre, se possano costituire un biomarcatore di risposta ai farmaci utilizzati per curare l’epilessia. In quest’ultimo caso, ghrelina e des-acil ghrelina potrebbero costituire il primo biomarcatore disponibile per controllare, con un semplice prelievo ematico, la possibilità che possa verificarsi una risposta positiva alla terapia farmacologica nei pazienti che soffrano di epilessia».

Copyright © 2019 Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani
ISO Certification - Quality policy - Website terms and conditions of use  - Information and cookie policy
Viale Bianca Maria, 28 - 20129 Milano
Telefono +39 02 795458 - Fax +39 02 76009582
Email: info@fondazione-mariani.org
Registro persone giuridiche Prefettura di Milano n. 72
codice fiscale 97035810155

UA-68368477-1