fbpx

logo fm 1

Prematurità: il recente paper di J.J. Volpe

Nel numero di giugno 2019 di Pediatric Neurology è apparso un interessante articolo di Joseph J. Volpe (Dept. of Neurology / Dept. of Pediatric Newborn Medicine, Harvard Medical School, Boston, USA) dal titolo “Dysmaturation of Premature Brain: Importance, Cellular Mechanisms, and Potential Interventions”. Presentiamo qui una sintesi dell’abstract.

La prematurità, in particolare la nascita pretermine (meno di 32 settimane di gestazione), è una condizione frequente e associata sia a elevati tassi di sopravvivenza che a disabilità del neurosviluppo, specialmente evidenti nell’ambito cognitivo. Il substrato neuropatologico di questa disabilità è ora riconosciuto come correlato a una varietà di eventi dismaturativi del sistema nervoso centrale. Tali disturbi sono la conseguenza di lesioni cerebrali iniziali, in particolare lesioni della sostanza bianca, e coinvolgono molti degli straordinari eventi neuroevolutivi che si svolgono nelle strutture cerebrali bianche e grigie durante il periodo della prematurità.

Questa review delinea gli eventi evolutivi e i disturbi dismaturativi che si verificano nei neonati prematuri. I meccanismi cellulari coinvolti nella genesi della dismaturazione sono enfatizzati, soprattutto i preoligodendrociti. Un ruolo centrale della microglia distribuita diffusamente e attivata e degli astrociti reattivi in questa dismaturazione è ora evidente. Poiché questi meccanismi cellulari dismaturativi sembrano verificarsi in una finestra temporale relativamente lunga, interventi per prevenire o migliorare questa dismaturazione, ovvero interventi neurorestaurativi, sembrano possibili. Tali interventi includono agenti farmacologici, in primis l’eritropoietina, e un'attenzione particolare è stata rivolta anche a fattori nutrizionali come la qualità e l’origine del latte, all’allattamento al seno, agli acidi grassi polinsaturi, al ferro e allo zinco.

Studi recenti suggeriscono altresì un ruolo potente di interventi diretti legati a vari fattori basati sulle esperienze nel periodo neonatale e nella prima infanzia, vale a dire l'esposizione a esperienze uditive e visive ottimali, la riduzione al minimo del dolore e dello stress, e una varietà di altri mezzi di arricchimento comportamentale e ambientale per migliorare lo sviluppo del cervello.

Si ringrazia per la sintesi la prof.ssa Elisa Fazzi, direttore della UO di Neuropsichiatria infantile dell’ASST degli Spedali Civili di Brescia.

Vai al paper

Copyright © 2019 Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani
ISO Certification - Quality policy - Website terms and conditions of use  - Information and cookie policy
Viale Bianca Maria, 28 - 20129 Milano
Telefono +39 02 795458 - Fax +39 02 76009582
Email: info@fondazione-mariani.org
Registro persone giuridiche Prefettura di Milano n. 72
codice fiscale 97035810155

UA-68368477-1