Canottaggio per i bambini con PC - Fondazione Mariani
/ Neurologia infantile

Canottaggio per i bambini con PC

“Rowing for children with cerebral palsy” è un progetto di ricerca che si propone di utilizzare il canottaggio per riabilitare l’arto superiore di bambini e ragazzi con Paralisi Cerebrale (PC) unilaterale. Avviato lo scorso settembre il progetto, che si concluderà nel 2024, è coordinato dal dr. Luigi Piccinini dell’IRCCS E. Medea “La Nostra Famiglia” di Bosisio Parini (LC), uno dei centri appartenenti al GIPCI – Gruppo Italiano Paralisi Cerebrali Infantili. Ce ne parla il dr. Piccinini.

«Per i bambini/ragazzi con Paralisi Cerebrale (PC) unilaterale la compromissione della funzione dell’arto superiore (AS) è spesso più pronunciata di quella dell’arto inferiore e comporta limitazioni nell’indipendenza quotidiana, nella partecipazione alla vita sociale e nella qualità della vita. La riabilitazione che affronta la disfunzione dell’AS è fondamentale per promuovere un migliore uso del braccio e della mano offesi nelle attività bimanuali quotidiane e per raggiungere l’indipendenza funzionale nelle attività domestiche, scolastiche e sociali (Sakzewski L. et al., 2014). Studi recenti dimostrano che gli approcci che migliorano la motivazione del paziente e mirano alle attività della vita quotidiana e della partecipazione sono gli approcci più efficaci per il recupero funzionale dei bambini/ragazzi con PC (Nilay Çömük Balcı N. et al., 2016).

Questo progetto vuole quindi promuovere la possibilità di valutare l’efficacia delle terapie riabilitative non chirurgiche dell’arto superiore per i bambini/ragazzi con emiplegia tramite uno sport acquatico, il canottaggio. In particolare, si vuole avvalere della analisi del movimento e della valutazione biomeccanica della vogata pre- e post trattamento al fine di individuare variazioni nel gesto motorio a seguito del processo riabilitativo. Infatti, la possibilità di utilizzare e adattare il canottaggio per lo svolgimento di attività sportive per bambini/ragazzi con PC è certamente auspicabile per diversi fattori.

Lo sport per persone diversamente abili promuove inclusione e migliore qualità della vita, rappresenta un’opportunità per la riduzione di comportamenti disadattivi e per la crescita dell’autostima e della socializzazione. Inoltre, il canottaggio consente da un lato di migliorare la flessibilità e aumentare i range di movimento delle articolazioni senza sovraccaricarle, e dall’altro lato di rinforzare la muscolatura dell’arto superiore e non solo.

Il progetto prevede quindi un percorso articolato che coinvolga professionisti di diversi ambiti, mettendo a disposizione: 1. competenze sociali proprie di associazioni che operano per una migliore qualità di vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie; 2. competenze cliniche che tengano in considerazione gli aspetti clinici della malattia, cause psicologiche e culturali, le sue complicanze; 3. competenze sportive per valutare le prestazioni di questi bambini/ragazzi; 4. competenze tecnologiche capaci di analizzare in modo oggettivo il gesto sportivo».

Si ringrazia il dr. Luigi Piccinini dell’IRCCS E. Medea di Bosisio Parini per il contributo.

Altre notizie

Malattie Rare, verso un piano europeo
17.01

2023

Neurologia infantile

Leggi
Il punto sulla Malattia di Niemann Pick
16.11

2022

Neurologia infantile

Leggi
Pubblicate le prime Linee Guida pediatriche per la CMT
18.10

2022

Neurologia infantile

Leggi